29 dicembre 2020

Giochiamo con Shell Volistoria

Tratto dal nº 27 del 5 luglio 1970 del Corriere dei Piccoli.



5 commenti:

Massimiliano ha detto...

Mi sembra di ricordare che avessi quella di Von Braun. E credo anche quella di Barnard ...

Anonimo ha detto...

Avevo completato la collezione, poi le ho perse tutte.

Kaksy57 ha detto...

Che collezione! Indicativa di un'epoca dove la corsa alla Spazio era uno dei pilastri del progresso tecnico che, dalla fine della guerra, stava cambiando il mondo, l'Italia e la societa'. Poi e' arrivato il Sessantotto: oggi viviamo il periodo della conservazione (del Creato, dei centri storici, dei diritti acquisiti, ecc.), e abbiamo spostato il progresso nella promozione di ogni diritto individuale. I nostri genitori, protagonisti di quell'epoca, hanno generato ricchezza e hanno vissuto meglio dei loro genitori. Noi, protagonisti della seconda, abbiamo sicuramente piu' diritti ma viviamo piu' poveri di loro, e i nostri figli - allineati a questo mainstream - saranno ancora piu' poveri di noi...

Unknown ha detto...

Da qualche parte in casa debbo avere ancora, dopo 50 anni, la collezione completa. Il benzinaio era un amico e ci dava le medaglie anche se facevamo solo il pieno ad un motorino.

Anonimo ha detto...

Certi commenti tipo "è arrivato il Sessantotto che ha rovinato tutto" sono un po' semplicisici, è arrivata la crisi energetica, che ci ha costretti a rivedere tutto: case, automobili, elettodomestici; sono arrivati i cambiamenti climatici causati proprio da quel "benessere"...
Sul fatto che i nostri figli vivranno peggio di noi, faccio notare che quest'anno, causa pandemia, i ragazzi hanno frequentato la scuola da casa, ai nostri tempi era un sogno!